Presentiamo di seguito il testo dell\’intervento di Mohamed Vall , esperto giornalista arabo (attualmente corrispondente di \”Al Jazeera English\”), alla conferenza \”Bridging the...

Presentiamo di seguito il testo dell\’intervento di Mohamed Vall [nella foto], esperto giornalista arabo (attualmente corrispondente di \”Al Jazeera English\”), alla conferenza \”Bridging the Middle East\”, tenutasi a Roma presso la Camera dei Deputati lo scorso 28 maggio. L\’intervento di Vall aiuta a capire il ruolo che la controversa rete televisiva qatariota \”Al Jazeera\” ha giocato nei rapporti all\’interno del mondo arabo, e tra il mondo arabo e le altre civiltà

Assassinio della mente

Quando guardiamo alla storia scopriamo che anche i meno illuminati vandali avevano una nozione concreta sul potere di espressione. Una delle prime azioni dei Mongoli quando hanno invaso Baghdad nel 1258 è stata quello di bruciare le biblioteche. Volevano cancellare l\’identità degli Arabi, e quindi li trasformarono in una nazione arretrata e vulnerabile. In una sorta di ripetizione della storia, centinaia di scienziati e intellettuali iracheni sono stati assassinati a partire dall\’invasione statunitense dell\’Iraq nel 2003. Questa volta nessuno sa esattamente chi ha attentato al genio iracheno. Quel che è certo è che tra i due episodi il mondo arabo ha testimoniato secoli di oppressione e di arretratezza. Forse mai gli Arabi sono riusciti realmente a riprendersi dal rogo delle librerie di Baghdad perpetrato da Hulagu Khan. Non hanno mai realmente posseduto una loro sovranità nazionale o un loro discorso nazionale. Da quel momento hanno perduto l\’iniziativa.

Gli stranieri che hanno governato gli Arabi, dagli Ottomani ai colonialisti europei, avevano sempre sostituito il discorso perduto con la loro versione della verità. Un esempio famoso è stato il messaggio di Napoleone Bonaparte agli Egiziani. Quando invase l’Egitto, nel 1779, raccontò al popolo che era venuto a liberarlo dai Mamelucchi circassi, a difendere l\’Islam e a ripristinare la successione legittima del Sultano ottomano. Se gli Egiziani gli abbiano creduto o meno non importa. Ma era un segno di quanta importanza gli invasori stranieri, nonostante la propria potenza, conferivano al modo in cui le loro azioni dovevano essere percepite agli occhi delle vittime inermi della loro occupazione. Gli Egiziani naturalmente si sarebbero resi conto più tardi che Bonaparte aveva soltanto aperto il loro paese alla dominazione europea ed all\’influenza occidentale per 150 anni, se non per sempre.

Un breve periodo di euforia è giunto intorno alla metà del XX secolo. Dopo la Seconda Guerra Mondiale molti arabi sono stati felici di vedersi finalmente liberi e governati dai propri dirigenti, come nel caso dell\’Egitto, che era stato governato da stranieri per anni. Ma l’emozione non durò a lungo. Aiutati dalla moderna tecnologia dei mass media, i governanti nazionali hanno intrapreso politiche volte a sfruttare la potenza dei nuovi strumenti di comunicazione di massa come la radio e la televisione per il loro beneficio personale. Quei strumenti furono catturati dai governanti, che li hanno utilizzati per ingrandire la loro immagine personale, in un momento in cui il pubblico era più vulnerabile all\’influenza dei nuovi media, trattandosi di una novità affascinante. Invece di essere utilizzati per educare il popolo, aumentare la consapevolezza sui problemi nazionali, dare una piattaforma per esprimere le lamentele e i desideri popolari, i media sono stati utilizzati per imprimere alle masse l\’onnipotenza, indispensabilità e la benevolenza del dittatore e delle sue politiche. In realtà questa pratica è ancora in corso a vari livelli mentre parliamo. Ma non è l\’unico gioco in città.

Le prime crepe: gli anni \’90

La più grande resistenza a questo tipo di manipolazione dei mass media è venuta dall\’opinione pubblica stessa. Già nel 1967 i media statali furono biasimati per il ruolo falsificatore e disinformatore che avevano giocato. Al culmine della fama personale dell\’ex presidente egiziano Gamal Abdel Nasser, la leggendaria Radio Sawt al-Arab o \”Voce degli Arabi\” cadde in disgrazia con un fiasco improvviso. Annunciò a milioni di ascoltatori arabi notizie deliberatamente false di una vittoria araba su Israele nei primi giorni della guerra del 1967. Ci sono voluti diversi giorni perché la tragica verità venisse fuori. Lo stato di euforia immediata fu generata da notizie false e poi si trasformò in profonda delusione quando la presunta vittoria si rivelò in una sconfitta schiacciante fin dall\’inizio. Ma questo incidente non ha cambiata molto il modo in cui i media di Stato hanno contorto la realtà e indotto in errore le persone nel corso dei decenni successivi.

Le notizie mostrano lunghi e noiosi resoconti della buona salute del sovrano, letture complete dei suoi discorsi a controparti estere, incontri di routine con i ministri locali. Tutto ciò ha portato disgusto e nausea ad una popolazione che cresceva scoraggiata, sempre più consapevole delle migliori alternative nel mondo esterno. L\’altro compito dei media statali è stato quello di tenere il popolo all\’oscuro dai veri problemi e dalle minacce provenienti dagli errori e fallimenti del sovrano e dei suoi ministri. Continuavano a presentare un quadro roseo della situazione nel paese per far sembrare come se nulla mancasse, come se le persone fossero felici, l\’economia fiorente, i nemici schiacciati e gli avversari malvagi meritevoli di essere in prigione o in esilio, se non morti. In risposta, il crescente numero di arabi istruiti che si sono laureati nelle università, sia locali che straniere, iniziò a sentire che non riusciva più a sopportare questo stato di cose.

Il secondo fattore di cambiamento consistette nell\’avvento della TV satellitare nel mondo arabo alla fine del 1980 ed il suo fiorire nel 1990. La parabola satellitare è uno strumento estremamente potente che ha reso l\’accesso a centinaia di milioni di spettatori molto più facile rispetto a prima. I governi hanno fatto del loro meglio per arginare il fenomeno. Hanno imposto la regolamentazione doganale e hanno emesso normative che vietavano l\’importazione di parabole. Poi i governi fecero del loro meglio per monopolizzare la costosa tecnologia di trasmissione attraverso il vantaggio offerto dal loro denaro. Il primo satellite di comunicazione arabo conosciuto come ArabSat è di proprietà comune dei governi arabi. L\’Arabia Saudita è la più ricca tra le nazioni arabe che ha ospitato il servizio ed ha a volte esercitato il controllo su ciò per cui i canali potevano essere utilizzati e per cosa no. Alcuni canali sono stati bloccati o definitivamente tagliati fuori Riyadh a titolo di punizione per la loro mancanza di conformità con quello che si adatta ai governi. Gli altri media in arabo ma gestiti all’estero con canali satellitari e società radiotelevisive erano di proprietà dei governi o di individui e gruppi gravitanti attorno a quei governi stranieri. I primi esempi sono stati Orbit, MBC e ANN, tutti basati in Europa approfittando delle competenze occidentali e del facile accesso alla tecnologia in questione. Al tempo stesso sembravano immuni da grandi condizionamenti grazie all\’atmosfera di libertà di espressione dei paesi in cui erano basati. In realtà i governi avevano mantenuto un certo controllo su ciò che questi canali erano in grado di dire, e ci sono voluti alcuni colpi di scena improvvisi del destino perché crepe reali iniziassero a comparire.

La grande agitazione: 1994-1996

Ironia della sorte, due atti di censura del governo hanno facilitato la nascita ed infine il successo del canale più fastidioso per i leader arabi, al-Jazeera. Nel gennaio 1996 un misterioso blackout causato da Orbit fermò la trasmissione di un programma di servizio di BBC Arabic TV in cui il dissidente saudita Mohamed al-Mas\’ari stava parlando. Poco più tardi i sauditi hanno interrotto bruscamente la loro joint venture con la BBC, durata quasi due anni. La BBC in arabo nella sua edizione 1994-1996 è stata messa a tacere per sempre. Nello stesso anno il neo incoronato Emiro del Qatar ha deciso di prendere in consegna la tecnologia, la manodopera e soprattutto l\’idea centrale del defunto canale BBC Arabic. Lo staff di BBC Arabic era ben addestrato e profondamente versato nella pratica del giornalismo libero per via del soggiorno a Londra e degli anni di servizio presso la BBC. A quanto pare tutto quello che serviva a fare miracoli era semplicemente la libertà di fare il proprio lavoro correttamente.

Il secondo incidente è avvenuto quando un canale francese, che godeva di uno slot molto prezioso su ArabSat mandò in onda, presumibilmente per errore, un film pornografico invece di un programma didattico rivolto ai bambini arabi. Il canale francese è stato immediatamente estromesso e al-Jazeera, che aveva aspettato oltre un anno per trovare uno slot machine su ArabSat, finalmente trovò una linea per diffondere i propri programmi a milioni di telespettatori arabi. Dai primi giorni di lancio il nuovo canale ha fatto sentire la sua presenza senza mezzi termini. Il primo shock: un canale satellitare arabo che non inizia i suoi telegiornali con le attività del sovrano che lo ha finanziato, anche se si trova a poche centinaia di metri dal palazzo reale. Poi presto divenne chiaro che il nuovo canale era aperto alle voci di dissenso in precedenza vietate: oppositori politici dei regimi arabi, i gruppi discriminati ​​dei diritti civili, come le donne, Stati come l\’Iraq e la Libia e anche i gruppi cosiddetti terroristici come al-Qaeda. Per la prima volta le questioni incendiarie sono state portate sul tavolo per una discussione aperta nei talk show dal vivo. Dai microfoni ci si poteva sfogare contro gli oppressori. I poveri e le persone comuni hanno partecipato in diretta al telefono e fatto sentire le loro lamentele a milioni di persone, compresi i loro stessi governi.

al-Jazeera cominciò ben presto a rompere una serie di tabù. Ha ospitato israeliani per la prima volta su uno schermo arabo. Ha dato una piattaforma per gli studiosi islamici come al-Qaradawi, che fu esiliato e bandito in Egitto per avere emesso delle fatwa controverse sul rapporto tra governanti e governati, o sui problemi del matrimonio, nonché argomenti come il sesso nel matrimonio e il jihad contro l\’occupazione straniera. Fin dall\’inizio al-Jazeera ha innescato un processo di divorzio tra il potere e il discorso. E un processo mediante il quale i dittatori cominciarono a perdere la loro presa sul diritto di monopolio dell’espressione. E la proprietà del discorso ha cominciato a spostarsi dal main-stream o dal centro alle periferie. Questo sviluppo ha esposto i canali statali agli occhi delle masse. Ha inoltre comportato ogni sorta di reazione rabbiosa da parte dei governi. al-Jazeera è stato accusato non solo da ogni governo di essere un male. La sua trasmissione è stata sabotata, i suoi uffici sono stati chiusi, i suoi giornalisti e cameramen sono stati gettati in prigione, e persino uccisi. A volte le reazioni sono state di natura politica. Ambasciatori arabi a Doha sono state ritirati, le relazioni diplomatiche congelate o tagliate in segno di protesta per una dichiarazione di un ospite durante uno spettacolo dal vivo. Ma le sfide regionali al progetto di al-Jazeera sono state solo la prima fase di una lunga e aspra ascesa. Dopo gli attentati dell\’11 settembre al-Jazeera ha assunto rilevanza internazionale.

La lenta gestazione: 2000

 Non sono state soltanto le foto esclusive provenienti dall\’Afghanistan ed il colloquio con Osama Bin Laden che hanno reso al-Jazeera un fenomeno internazionale. In effetti, la stessa agitazione dei fondamenti del discorso tradizionale nella sua relazione al potere ha cominciato a prendere posto su un livello internazionale grazie al-Jazeera. Fino all’11 settembre e le conseguenti guerre statunitensi, il discorso internazionale del potere è stato centrale in Occidente. Proprio come nel caso dei governanti arabi contro i loro popoli, il discorso del potere fra le nazioni del mondo era nelle mani delle nazioni più potenti. La statunitense CNN e la britannica BBC hanno detenuto la supremazia del discorso mediatico. Essi sono stati visti come modelli di giornalismo corretto in tutto il mondo. Ma forse quei canali non erano altro che una rappresentazione di uno stato di supremazia militare, politica e tecnologica. al-Jazeera ha rotto quell\’ordine mondiale in modo miracoloso. Per la prima volta il flusso di informazioni provenienti dal ricco Occidentente al debole e povero Oriente (o Meridione) è stato invertito. Prima di questa inversione, la gente dell\’Oriente e del Meridione poteva vedere la propria immagine e ascoltare la propria voce solo attraverso il prisma dei media occidentali. Questo prisma non è mai stato abbastanza trasparente da mantenere l\’immagine completamente immune dalla distorsione. Con l\’avvento di al-Jazeera e il lancio della sua versione in lingua inglese la situazione ha cominciato a cambiare. al-Jazeera ha dato copertura alle guerre in Afghanistan e in Iraq, ad Abu Ghrayb e agli scandali della prigione di Guantanamo, entrando in rotta di collisione con le potenze internazionali. Per questo gli spettatori di tutto il mondo, anche in Canada e negli Stati Uniti, sono stati in ogni modo dissuasi dall\’accedere ad al-Jazeera. In Africa, America Latina, India e Cina, tutto il mondo ha cominciato a cercare modi per avviare i propri canali su questo modello. In Medio Oriente, dall\’Iran a Dubai e al Nord Africa canali imitativi sono stati lanciati. Si è arricchito il clima di libera espressione e si sono aperte più porte alla condivisione delle informazioni.

Cambiamento come ultima cosa?

Alla luce di quanto sopra, si sono svolti dibattiti seri relativi al fatto se al-Jazeera abbia cambiato il mondo arabo. I lunghi anni che trascorsero tra il suo lancio e gli sviluppi recenti conosciuti come la primavera araba hanno contribuito a creare molti dubbi sul fatto che al-Jazeera avesse veramente contribuito a migliorare la sorte degli Arabi. Per buona parte del decennio è sembrato che le nuove libertà di espressione che al-Jazeera aveva aperto fossero tornate utili solo ai dittatori del Medio Oriente. Ha esposto i loro avversari e ne ha reso più facile il monitoraggio. Ma dopo la primavera araba ed il ruolo che al-Jazeera ha giocato in essa, alcuni pensano che la gestazione lunga e lenta della libertà è finalmente arrivata a compimento. Le masse represse finalmente si sono alzate e hanno deposto i loro dittatori di lunga data lanciando immediatamente un reale processo democratico nella regione per la prima volta. E\’ vero che i nuovi strumenti di comunicazione di massa come Internet, facebook e twitter, ecc. si sono uniti nella mischia ed hanno svolto un ruolo importante nella primavera araba. Ma questi sono considerati troppo nuovi per ricevere il merito di tale processo fondamentale di cambiamento. Eppure poco importa ora. Basti pensare che al-Jazeera è il primo progetto elaborato nella storia moderna del mondo arabo in cui è affrontato il discorso del tradizionale potere politico. A livello regionale, il risultato è stato che la proprietà delle informazioni trasmesse alle masse è stata strappata dalla morsa del singolo dittatore e consegnata liberamente ai molti oppressi. A livello internazionale al-Jazeera ha iniziato a invertire il flusso di informazioni che ora per la prima volta va dal Sud verso il Nord e non più solo al contrario. In un certo senso è forse la cosa migliore che la mente araba abbia delineato dal rogo di Baghdad da parte dei Mongoli. Che lo si voglia o no, al-Jazeera ha dato agli Arabi un nuovo senso di autostima fra le nazioni. Ha modificato alcuni dei pregiudizi tra i popoli per quanto riguarda la capacità degli Arabi a contribuire a qualcosa di così originale e così utile alla civiltà umana. Detto questo, non si può negare che al-Jazeera abbia le sue falle e fallimenti, proprio come qualsiasi altro sforzo umano. Ma, a mio avviso, la maggior parte dei suoi fallimenti è emanata dalla sua natura fortemente scioccante e unica.



No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
20 + 27 =