C\’è chi ha commentato sarcasticamente l\’unica soluzione possibile: “diamo le Falkland agli Inglesi e le Malvine agli Argentini”. Questo arcipelago ha infatti due nomi:...

C\’è chi ha commentato sarcasticamente l\’unica soluzione possibile: “diamo le Falkland agli Inglesi e le Malvine agli Argentini”. Questo arcipelago ha infatti due nomi: Isole Falkland o Isole Malvine. Il primo nome è quello attribuito dagli Inglesi che comunemente le chiamano Falklands. Il secondo è quello usato dagli Argentini che le chiamano Malvinas. In realtà questo nome gli fu attribuito dai primi abitanti delle isole, i Francesi, che le diedero il nome di Malouines, da cui il termine moderno. Da allora le isole hanno cambiato più volte nazionalità. Nel 1766 divennero isole spagnole. Nel 1810, isole argentine. Nel 1833, inglesi.

Queste isole costituiscono uno tra i più inospitali arcipelaghi, posto nell\’Atlantico meridionale, formato dall\’isola di Falkland Occidentale (o Gran Malvina), dall\’isola di Falkland Orientale (o Soledad), separate da uno stretto, e da centinaia di altre isole minori. Il territorio è collinare e non supera i 700 metri. Le fasce costiere sono articolate, pianeggianti e spesso paludose, un luogo difficile dove combattere, anche a causa del clima, misto tra quello atlantico e quello subartico e durante l\’estate non si superano gli undici gradi. Può nevicare per gran parte dell\’anno e il vento è forte, il sole è scarso e non crescono perciò alberi. Le isole sono talmente vicine all\’Antartide da essere considerate talvolta parte di quel continente più che dell\’americano.
Le isole godono però di una importante posizione strategica tra l\’Atlantico e il Pacifico, sia dal punto di vista militare sia da quello commerciale, posizione strategica ben nota a tutti i governi sudamericani ed europei.

La capitale delle Falkland è Port Stanley, o Puerto Argentino. Nelle Falkland abitano poche persone, circa 3.000 abitanti, in massima parte di origine britannica, in particolar modo di origine scozzese. Le risorse delle isole sono la pesca e l\’allevamento. L\’esigua popolazione è benedetta da uno tra i redditi pro-capite più alti del pianeta, 50.000 dollari, dovuti agli introiti delle attività legate alla pesca e solo gli introiti delle licenze di pesca, ad esempio, fanno guadagnare fino a 200 milioni di dollari all’anno. I guadagni di questo settore hanno già attirato l\’attenzione di diversi governi.

Immagine2

Figura 1: mappa delle Isole Falkland/Malvinas

Guerra sporca

Per capire cosa abbiano significato le Falkland a livello mondiale, bisogna prendere in analisi per iniziare il periodo che va dal 1976 al 1982.

Con l\’espressione “Guerra Sporca” si è soliti indicare quanto accadde in Argentina dopo la morte di Juan Domingo Perón e precisamente il comportamento avuto dal nuovo governo verso gli oppositori che furono combattuti, come indica l\’espressione, in un modo celato e ripugnante. Dopo la morte di Perón, infatti, i guerriglieri dei Montoneros e l\’Ejército Revolucionario del Pueblo da un lato, gli squadroni di estrema destra dell\’Alianza Anticomunista Argentina dall\’altro, portarono il paese in uno stato di assedio. Già da questi anni, se non prima, l\’esercito argentino dovette improntarsi a combattere contro la guerriglia, particolare che rivestirà molta importanza durante la guerra delle Falkland.

In questo stato di emergenza, il Ministero degli Interni fu affidato ad uomini provenienti dalla sfera militare. Venne istituito il Consiglio per la Difesa Nazionale, composto dal Ministro della Difesa e da altri tre alti ufficiali dell\’esercito. Il generale Jorge Rafael Videla assunse prima la nomina di Capo di Stato Maggiore dell\’Esercito e poi la presidenza del paese, con il colpo di stato del 24 marzo 1976 che destituì il governo democraticamente eletto di María Estela Martínez de Perón, la seconda moglie di Perón e sua succeditrice al governo. La costituzione fu sospesa e la Corte Suprema e la Procura Generale furono abolite e sostituite da una giunta militare formatasi contestualmente. Il generale Videla assunse la presidenza a vita dell\’Argentina il 29 marzo dello stesso anno. Furono sospese le libertà civili e sindacali.

Tutto ciò ebbe un forte impatto nell\’opinione pubblica nazionale e sarà forse l\’elemento che maggiormente porterà alla guerra delle Falkland. Qualsiasi oppositore del governo, o presunto tale, qualsiasi persona sospettata di appartenere ad organizzazioni studentesche, sindacali o politiche, qualsiasi simpatizzante dell\’opposizione ed anche qualsiasi persona ancora “indifferente o ancora indecisa” verso il regime furono massacrati. La Guerra Sporca combattuta contro di loro fu attuata arrestandoli, senza nessuna sentenza e senza nessun processo, nel cuore della notte. I soggetti furono poi privati di qualsiasi diritto e torturati selvaggiamente, loro e le loro famiglie, e poi segretamente uccisi. I cadaveri furono fatti scomparire e di loro il giorno dopo non restava già più traccia. Furono chiamati “desaparecidos” a causa della loro scomparsa improvvisa, unico effetto che la Guerra Sporca non poteva nascondere del tutto. In totale i desaparecidos furono decine e decine di migliaia.

Sarà proprio la Guerra Sporca a portare alla Guerra delle Falkland, almeno secondo la maggioranza delle interpretazioni. Infatti, si stava alimentando sempre maggiormente in Argentina un acceso odio verso il nuovo governo e chi avesse preso il potere avrebbe dovuto trovare una soluzione per aumentarne la popolarità, ad esempio puntando sul nazionalismo. Effettivamente, dopo i primi successi riportati nelle Falkland, persino i Montoneros o alcuni parenti dei desaparecidos iniziarono a simpatizzare verso il governo argentino.

Il 29 marzo 1981 Jorge Rafael Videla fu deposto da un colpo di Stato, capeggiato dal generale Roberto Eduardo Viola, seguito poi da un ennesimo colpo di stato il 22 dicembre 1981 per opera del generale Leopoldo Galtieri. Sarà sotto il suo governo e in questo contesto che la guerra delle Falkland prenderà luogo. La crisi economica aveva intanto portato l\’Argentina in una situazione molto pericolosa ed instabile. Il prodotto interno lordo era crollato tra il 1981 e il 1982 dell’11,45%.

Per quanto, inoltre, il governo avesse selvaggiamente distrutto ogni forma di opposizione, il malcontento nei suoi confronti era tangibile. La guerra delle Falkland, spacciata come un modo per liberare un territorio da una vecchia potenza imperialista, in realtà fu solo un tentativo goffo del governo argentino per distrarre l\’attenzione negativa (nazionale ed internazionale) che lo stava investendo. Il generale Galtieri cercava un diversivo di natura militare senza rendersi conto che il suo esercito non aveva più combattuto guerre da quella contro gli Indios, più di cento anni prima.

Alle ore 23 del 1º aprile 1982, 84 membri di un commando della Armada Argentina guidati dal capitano di corvetta Guillermo Sánchez-Sabarots sbarcarono a Mullet Creek. Meno di dodici ore dopo, credendosi accerchiato, il Governatore Rex Masterman Hunt si arrese. Il governo argentino aveva previsto l\’arrivo di mezzi anfibi AMTRAC per occupare l\’isola e farsi accogliere come liberatori dalla popolazione locale. In realtà, la popolazione non fu particolarmente entusiasta di questo arrivo. Quando il governo argentino impose usi e costumi argentini alla popolazione, quest\’ultima non prese mai seriamente in considerazione questa decisione. Ad esempio, nonostante l\’imposizione di guidare come in Argentina, gli abitanti delle Falkland continuarono a guidare sulla sinistra, dimostrando forse già la volontà di rimanere britannici. Il governo inglese propose allora che gli abitanti delle Falkland avessero il diritto di autodeterminazione e scegliessero se restare nel Regno Unito o diventare Argentini. Il governo argentino però non accolse questa idea. Le trattative diplomatiche fallirono e si arrivò allo scontro militare.

Lo scontro ebbe come protagoniste le portaerei HMS Hermes e HMS Invincible comandate dall\’ammiraglio John Woodward1, a capo di una flotta non pronta, improvvisata e quasi in decadenza. Le operazioni furono portate avanti dall\’Ammiraglio Sir John Fieldhouse, Capo di Stato Maggiore britannico. L\’Inghilterra aveva passato gli ultimi decenni ad allenarsi, in piena Guerra Fredda, pronta a combattere un nuovo conflitto di proporzioni mondiale. La NATO aveva posto dei target molto alti nell\’allenamento dei soldati inglesi. Avevano a disposizione i BAe Sea Harrier FRS.Mk.1. Ad operazioni iniziate, arrivarono anche diversi Harrier Gr.Mk.3. Vi era una flotta di fregate e cacciatorpediniere e di sommergibili nucleari delle classi Churchill e Swiftsure. Infine era a disposizione un esercito professionista con varie unità di élite, dai Royal Marines ai paracadutisti, agli incursori del SAS e ai Gurkha. L\’aviazione inglese puntò sull\’effetto a sorpresa con oltre cinquecento incursioni. Fu imposto un blocco navale ed aereo contro gli occupanti. Le batterie antiaeree argentine erano antiquate e mancavano all\’aviazione argentina moderni aerei da pattugliamento marittimo. I mezzi anfibi argentini furono sostituiti dalla Decima Brigata della provincia di Buenos Aires, composta da soldati di leva, molti diciottenni, abituati a combattere contro il terrorismo e la guerriglia, non contro un esercito di professionisti. L\’esercito argentino era composto da più personale e bene equipaggiato ma restava di fondo non preparato. Le operazioni belliche durarono dal 19 aprile a metà giugno. Dopo 74 giorni di guerra, le ostilità terminavano definitivamente: 255 militari inglesi, 649 militari argentini e 3 civili falklandesi erano morti.

Leopoldo Galtieri si dimetterà dal governo di sua spontanea iniziativa dopo l\’esito fallimentare della guerra e le conseguenze economiche negative su tutto il paese già dissestato. Al suo posto, prenderà il potere dal primo luglio 1982, il generale Reynaldo Bignone che si troverà costretto dall\’opposizione nazionale e internazionale ad indire libere elezioni il 10 dicembre 1983 e a porre fine alla dittatura. Leopoldo Galtieri fu processato, condannato all\’ergastolo ma liberato grazie ad un indulto. Nel 2000 fu nuovamente processato per rapimento di bambini.

1982: cronologia degli eventi
  • 1 Aprile: le forze argentine invadono le Falkland.
  • 5 Aprile: Oltre cento navi inglesi sono inviate nel Sud Atlantico.
  • 21 Maggio: 3.000 soldati di truppa inglesi sbarcano nelle Falkland.
  • 14 Giugno: Le forze argentine si arrendono.

immagine 3

 Figura 2: particolare sugli spostamenti britannici

Da un lato, la Guerra delle Falkland è stata decisa dal governo argentino nel maldestro tentativo di sollevare la popolarità del governo stesso, puntando tutto sul nazionalismo, durante un periodo di dissesto economico e dopo anni di Guerra Sporca. Dall\’altro lato, la guerra è stata accettata e per anni si sono date le più diverse interpretazioni delle ragioni per le quali l\’Inghilterra si sia mossa a combattere contro l\’Argentina invece di abbandonare semplicemente queste isole brulle e burrascose. La guerra, infatti, ha avuto costi elevatissimi per una nazione quale l\’Inghilterra che già risentiva di forti difficoltà economiche. Alcuni hanno interpretato questa scelta come la volontà di una vecchia potenza imperialista di non perdere le proprie colonie. Altri, invece, hanno affermato che Margaret Thatcher, allora al capo del governo inglese, volesse tramite la guerra e il nazionalismo aumentare la popolarità del proprio governo.

Margaret Thatcher infatti era sempre stata rispettata ed apprezzata ma mai popolare e diversi episodi (dall\’Irlanda a gli scioperi, non ultimo quello dei minatori) avevano posto il suo primo mandato in una cattiva luce. Solo recentemente si è scoperto che la realtà non è esattamente questa. Nel complesso, durante gli anni di governo di Margaret Thatcher, la speranza di vita media è aumentata sia per gli uomini sia per le donne; i divorzi diminuiti, i matrimoni aumentati; la disoccupazione era arrivata ai massimi livelli e, per una semplice legge dell\’economia, l\’inflazione andava calando; il prodotto interno lordo era altalenante; la manifattura in calo e la spesa pubblica globalmente sotto Margaret Thatcher diminuì drasticamente, sebbene proprio negli anni del combattimento e per questa ragione la spesa pubblica raggiunse il massimo livello, per poi calare subito dopo; i salari aumentarono (più per gli uomini che per le donne); aumentarono i prezzi delle case; nel 1982 il livello di povertà si era abbassato ma subito dopo iniziò velocemente a risalire in tutto il paese2. In generale, il prodotto interno lordo dal 1979 al 1989 aumentò del 23.3%, la spesa del governo si abbassò del 12.9, versando molto di più nel settore sanitario o della sicurezza, ad esempio, e meno nel commercio, nelle industrie e nella difesa. Prima della guerra i disoccupati erano aumentati da uno a tre milioni. Nei sondaggi Margaret Thatcher arrivava terza.

L\’invasione delle Falkland prese Margaret Thatcher alla sprovvista.

“I never, never expected the Argentines to invade the Falklands head-on. It was such a stupid thing to do, as events happened, such a stupid thing even to contemplate doing… I thought that they would be so absurd and ridiculous to invade the Falklands that I did not think it would happen. I just say it was the worst I think moment of my life.”3.

Era chiaro che se si fosse combattuta una guerra e se si fosse persa, il governo inglese non sarebbe stato rieletto e la carriera politica di Margaret Thatcher e dei suoi colleghi si sarebbe così conclusa. Dover combattere una guerra, per di più per un territorio all\’epoca considerato così limitato, era l\’ultimo dei desideri del governo inglese. Non volendo combattere questa guerra – persino la diplomazia internazionale cercava la soluzione per vie diplomatiche – propose una semplice via di uscita: lasciare la scelta agli stessi abitanti delle isole Falkland. Se questi avessero deciso di entrare a far parte del territorio argentino a tutti gli effetti, allora il governo inglese sarebbe stato pronto a cedere le isole senza nessun combattimento e senza nessuna ritorsione.

Era ormai diventato chiaro, però, al governo argentino, che gli abitanti delle Falkland avrebbero votato con buona probabilità di rimanere nel Regno Unito. I cittadini erano di origine britannica in massima parte, come lo sono tutt\’ora, e mantenevano saldi le loro usanze e i loro segni di appartenenza. Questo è un elemento che dopo più di trent\’anni non è cambiato, anzi, è più forte che mai. I governi sudamericani ne devono tener conto da sempre.

Il governo argentino non poteva rischiare di perdere le Falkland e attestare davanti tutta l\’opinione pubblica che i suoi abitanti preferivano essere Inglesi piuttosto che Argentini. Respinse allora ogni soluzione diplomatica. Pur non volendo ciò, al governo inglese non rimase altra scelta se non quella di difendersi militarmente, a qualunque costo.

Volveremos

Intanto, nella regione sudamericana, gli Argentini continuano a percepire le isole Falkland come di loro dominio. Per gli Argentini la questione resta aperta e dagli esiti già decisi: le Falkland dovranno tornare ad essere territorio argentino a tutti gli effetti. Nel sito del loro Ministero degli Esteri si può trovare scritto che

“la Nazione Argentina ratifica la sua legittima e imprescindibile sovranità sulle isole Malvinas […] considerandole parte integrante del territorio nazionale. Il recupero dei territori e l’esercizio pieno della sovranità, nel rispetto del modo di vita dei suoi abitanti e dei principi del diritto internazionale, rappresentano un obiettivo permanente e irrinunciabile del popolo argentino”.

Forse la guerra delle Falkland non è stata davvero una guerra ma solo delle battaglie e, almeno per alcuni Argentini, la guerra ancora non è finita. Intanto, però, le Falkland restano suolo britannico. La questione sembra essere tutto fuorché risolta, tanto che il governo inglese, percependo l\’instabilità della situazione, ha indetto un referendum per testare le volontà della popolazione delle isole Falkland. Il risultato è stato schiacciate: il 99,8% di votanti si è dimostrato favorevole a restare nel Regno Unito. L’Argentina ha fatto sapere di considerare illegale il referendum. A ragione, il referendum è stato propinato a una popolazione costituita quasi esclusivamente di Inglesi e Scozzesi, i quali difficilmente avrebbero preferito diventare sudamericani. Nella regione sudamericana, all\’indomani del referendum, hanno commentato che “gli Argentini sono Italiani che parlano spagnolo e si credono Inglesi”.

Fino a pochi anni fa la situazione era rimasta immutata. Il governo inglese e una popolazione inglese erano instaurati in un territorio extra europeo. Il territorio rappresentava un importantissimo centro strategico per il mondo militare ed economico, sia per la regione sudamericana, sia per il continente antartico. Bisogna ricordare infatti che, per alcuni, le Falkland sono addirittura suolo antartico. Non solo: si è ipotizzato, secondo una teoria tutt\’ora priva di ogni fondamento giuridico, che il governo che si sarebbe stabilito nelle Falkland avrebbe avuto un accesso diretto all\’Antartide, altro territorio conteso.

Un fatto, però, è certo: le acque intorno alle coste spettano, secondo la legge internazionale, a chi risiede nelle Falkland. Nelle acque e nei fondali oceanici ci sono enormi risorse ed altre potrebbero essere scoperte. C\’è la pesca che comporta fortissimi introiti. Ci sono risorse energetiche ancora non quantificate e di sicuro ancora molte non individuate finora. Altre risorse, invece, iniziano ad emergere e proprio queste hanno attirato negli ultimi mesi una enorme attenzione.

La situazione si è complicata, o arricchita, tre anni fa quando nell\’arcipelago furono scoperti ricchi giacimenti petroliferi per opera della compagnia inglese Rockhopper Exploration che stima la sua scoperta intorno ai 50 milioni di barili di greggio. Da allora sono state eseguite diverse stime su quanto petrolio si possa ricavare da quelle zone e sebbene nessuna stima concordi con un\’altra è sicuro che la quantità di petrolio presente è molto grande. Le estrazioni potrebbero iniziare già nel 2016.

Appena scoperto il petrolio, il governo britannico ha deciso di avviare una serie di esercitazioni militari e test missilistici nell’arcipelago. Il mondo militare britannico, però, non sembra essere l\’unico a volersi preparare a combattere. In quasi tutto il Sudamerica, non solo in Argentina, i governi si sono spesi in acquisti di armamentari militari e intanto hanno più volte, nel giro di questi ultimissimi anni, dato il loro appoggio alla causa Argentina. Infatti, l\’Argentina, nel 1982, ha combattuto una guerra fallimentare senza nessun appoggio, almeno ufficiale, e anzi in rotta contro il vicino Cile, ad esempio. Né l\’Europa né il resto del Sudamerica hanno ufficialmente e concretamente aiutato il governo Argentino nella guerra delle Falkland.

Cosa succederebbe oggi se il petrolio galvanizzasse alcuni governi sudamericani contro il governo inglese? Si sospetta che l\’esercito o l\’aviazione britannica non sarebbero più in grado di vincere una guerra intercontinentale. L\’unica certezza è che in quest\’isola burrascosa è stato trovato un tesoro e sembra che da allora entrambi i contendenti, ed altri unitisi a loro, si stiano preparando a combattere.

NOTE:

Marco Flavio Scarpetta è dottore in giornalismo, editoria e scrittura (Università di Roma «Sapienza»).

1.- Le portaerei Eagle, Bulwark e Ark Royal erano state già radiate e stessa fine sarebbe spettata anche alla Invincible e alla Hermes proprio nel 1982. Anche la componente anfibia era in procinto di essere smantellata con la cessione delle navi da assalto anfibio Fearless ed Intrepid.
2.- Fonte: The Guardian [On line] http://www.guardian.co.uk. Consultato il 12.08.2014
3.- Fonte: BBC [On line] http://www.bbc.co.uk. Consultato il 12.08.2014.


No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
10 + 14 =